Coaching

Che cosa è il Coaching e cosa fa il Coach

Coaching….un termine ormai in voga, sicuramente ti sarai accorto che sono in molti che parlano di coaching e con disinvoltura. Naturalmente anche tu ne hai sentito parlare e, magari, ne hai usufruito, direttamente o indirettamente. Ma forse anche tu ogni tanto ti sei chiesto: “ma cos’è esattamente questo coaching?” e “chi è un coach?”. Che tu sia una persona curiosa capitata qui per caso, oppure un manager di un’azienda multinazionale che vorrebbe avere qualche informazione in più…
…beh…sappi che sei nel posto giusto!
Riguardo al coaching si è ormai scritto molto: puoi trovare quindi diversi libri e articoli che approfondiscono l’argomento, così come alcuni post anche del mio blog. Qui di seguito, invece, troverai una breve e sintetica panoramica del coaching, una sorta di mappa in cui ti segnalerò le coordinate principali di questo grande ambiente. Quando avrai finito di leggere, sarai in grado di scegliere con maggior consapevolezza quale o quali aspetti del Coaching ti interessa approfondire e magari – perché no? – conoscere in prima persona.

In generale, il coaching ha a che fare con il miglioramento delle performance e/o il raggiungimento degli obiettivi.  Quindi è qualche cosa che ha a che fare con le strategie, le capacità e i comportamenti in un determinato contesto. Quale sia questo contesto, viene normalmente definito attraverso quella che ritengo la distinzione più basilare (una sorta di spartiacque) e generica: coaching indirizzato all’ambito personale (Life Coaching) e coaching indirizzato all’ambito professionale (Business Coaching). Ti starai chiedendo che cosa cambia se cambia il contesto…? Beh, certamente non cambia l’approccio del Coach e le tecniche che quest’ultimo utilizzerà con il proprio Coachee. Quello che cambia maggiormente – oltre al contenuto specifico (ma il contenuto nel Coaching, così come in altre forme di supporto allo sviluppo personale, è molto meno importante di quanto si pensi) – è la relazione tra Coach e Coachee.
Nel Life Coaching – nella maggior parte dei casi – c’è una relazione diretta tra Coach e Coachee e questa relazione è stata attivata dal Coachee che si è rivolto ad un Coach professionista, ovvero ad una persona che fornisce la propria prestazione professionale come Coach. Il Coachee è interessato a migliorare le proprie prestazioni e/o a raggiungere uno o più obiettivi in ambito personale.
Nel Business Coaching possiamo avere diverse strutture di relazione tra Coach e Coachee. La distinzione fondamentale è tra la situazione in cui il Coach è un professionista esterno e la situazione in cui il Coach è una persona che ricopre un ruolo specifico nella stessa azienda del Coachee.

Nel primo caso si ha normalmente una relazione triadica, ovvero una relazione in cui vi sono tre soggetti: il Coach (libero professionista, consulente esterno), l’Azienda (il Committente) e il Coachee (dipendente dell’Azienda). Il Coach accompagna il Coachee in un percorso di sviluppo condiviso con l’Azienda.

Nel secondo caso la relazione può essere di diversi tipi e la più frequente è quella in cui il Coach è un manager e il Coachee è un diretto riporto dello stesso manager. Il Manager-Coach, nello svolgere la propria funzione di manager, utilizza coaching come metodo per migliorare le performance delle proprie risorse.

A seconda delle figure professionali a cui è rivolto o all’obiettivo professionale che si intende raggiungere, tipicamente si distinguono diversi tipi di Business Coaching, i cui principali sono: l’Executive Coaching (rivolto all’Amministratore Delegato e alla sua prima linea), il Corporate Coaching (rivolto a figure aziendali al di sotto del livello executive) e il Team Coaching (rivolto a team funzionali o interfunzionali)

Altri articoli che potrebbero interessarti

Sei interessato al Coaching? Contattami senza impegno

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio